venerdì 4 settembre 2009

Mi rubano il lavoro!

Oggi sul quotidiano Alto Adige:

"I tre comuni dell’Alta Badia vogliono - con le regole precise in edilizia - salvare l’architettura tipica della valle dove le brutture, purtroppo, non mancano. Badia, Corvara e La Valle a tal proposito hanno nominato due esperti perchè predispongano la bozza di un regolamento che, il prossimo anno, verrà recepito dai tre Comuni. I tre Comuni di Badia, Corvara e La Valle hanno discusso di recente sull’elaborazione di eventuali direttive su come costruire o meglio non costruire per mantenere il carattere ladino delle costruzioni della valle. Per una maggiore sensibilizzazione nei confronti della tipica architettura ladina e dell’Alta Badia verranno organizzate delle manifestazioni da parte di Alto Adige Marketing assieme alla Camera degli architetti ed anche al Consorzio dei Comuni."

Volete dire che chiudo il blog "caccia al kitsch" prima ancora di  pubblicare un post?

Per fortuna resta la Val di Sole (Trentino) che mi offre tutto il materiale che mi serve.

Per esempio, Mezzana, paesino in mezzo ai monti, a 900 metri s.l.m., meno di 900 abitanti, che gravita economicamente tutto attorno alla stazione sciistica di Marilleva. E dove arriva lo sci se ne vanno l'identità e la storia.

Lo stesso posto a distranza di una sessantina di anni.

Che c'azzecca quella pensilina attorno alla fontana, rifinita in acciaio satinato e l'altrettanto satinata ringhiera che si vede qui sotto?

Non si ferma nessun bus lassù, in centro storico, dove non si può decidere il colore delle persiane ma dove si possono rifare i vecchi ponti di legno in questo modo:

Il palazzotto che si vede in secondo piano è casa Maturi, del XVI secolo, del quale il paese è giustamente orgoglioso. Attorno al quale però si distrugge sistematicamente la memoria.

Sono sicura che l'amministrazione comunale ha fatto quello che riteneva meglio, quel che pareva più bello e pratico, più moderno ed ergonomico. Ma nessun architetto di quelli interpellati ha detto loro che è meglio conservare e recuperare invece che cancellare.

Son mica brutti i ponti, con i faretti incassati nei montanti, li avessero messi a Bolzano per esempio; nemmeno la pensilina, se fosse una pensilina e non fosse nel micro centro storico di un antico minipaese. Le ringhiere satinate invece sono orribili tout court.

Speriamo che chi stila le regole per la val Badia non siano gli stessi consulenti di Mezzana!

Lo sostengo da un bel pezzo: strangolarli in culla, gli architetti!

(Per chi temeva una deriva buonista della sottoscritta dopo le ferie :D )