lunedì 20 agosto 2007

La Fradusta: un ghiacciaio morente

Lago e ghiacciaio della Fradusta

Situato sulle Pale di San Martino è l'unico ghiacciaio trentino con la fronte in un laghetto proglaciale e uno dei pochi delle Dolomiti, ha una dimensione di 18,6 ettari (dati del 1999) e sta velocemente riducendosi. Secondo le rilevazioni del Catasto dei Ghiacciai Italiani nel 1962 aveva un'estensione di 65 ettari, e 100 anni prima di 162. Alimentato dalle sole precipitazioni nevose negli ultimi inverni ha risentito parecchio della scarsa nevosità: secondo il Comitato Glaciologico Italiano dal 1991 al 1999 la fronte del ghiacciaio è arretrata di 48 metri e fra il 2002 e il 2003 si è spezzato in due parti.


Il lago si raggiunge in poco più di un'ora di facile cammino dal Rifugio Pedrotti alla Rosetta e la cima della Fradusta in circa 2 ore e mezza. L'escursione è abbastanza facile, molto bella e panoramica.


Vicino al bivacco Minanzio ci sono i resti di un aereo militare statunitense precipitato nel luglio del 1957 dopo l'impatto con la parete sud; una lapide ricorda i nomi e i gradi degli 11 militari americani che persero la vita nell'incidente.