sabato 12 luglio 2008

Pom, per, dime el ver

Bimbi del maso (Foto Val)

Giugar a dàrsela (acchiapparella), a scónderse (nasconderello) a le bele statuine: a chi tocca "star sotto"?
Le conte: tramandate per tradizione orale di generazione in generazione, variate di poco di valle in valle, spesso filastrocche senza senso, in un idioma sconosciuto o misto italiano/dialetto, a volte un po' sboccate: "ehi, popìn, no se dis cagar, fila a lavarte gió la boca col saón!" "Ma mamaaaaaaa, l'é la contaaaaa!"

"Pom, per,
dime el ver,
chi l'è sta
a cagar
su la porta del podestà"

"An tan tès
file mane pes
file mane cuculus
an tan tus"

"Aneghe taneghe
spuza luganeghe
spuza borèi
conteren al vintitréi
vintitréi l'è già passato
conteren al vintiquatro:
un, doi, trei, quatro
a star soto toca ti"

"Ari boari
cese e cornari
de oro de fin
del conte Martin
cava la rava
contra mirava
tom tomaiér
formai e botér"

"Pinzol ragazol
conta bianca
men cinquanta
damen un, damen doi
damen ot,
scarabòt
citaldela
esca badesca
tira dentro e fora questa"

"Totò baricò
quanti corni g'ha el me bò?
El me bò 'l ghe n'ha quatro
vai for ti ch'es 'n macaco"

"la me gallina sprecola
la fa trei övi al dì
se non la fus ‘na sprecola
no la faria cosi
e a star fora toca ti’"

"ai li ulè che tamosè
che taprofita lusinghè
tulilemblemblu tulilemblemblu"

"Soto el pontre de Verona
gh'é 'na vecia scoregiona
la ripete tut el dì
a bi ci di
"

conte della val di Sole, a mia memoria bambina