domenica 18 maggio 2008

No gh'é caren senza os

No gh'é caren senza os.
(Non c'è carne senza osso)

Caren fa caren e vin fa sanc
(Carne fa carne, vino fa sangue)

Done, ani e biceri/no se i conta mai
(Donne, anni e bicchieri non si contano mai)

En montagna, se no se 'n porta no se magna
(in montagna se non se ne porta non se ne mangia)

Gh'é pù dì che luganeghe
(Ci son più giorni che lucaniche)

Chi che l'é tes no 'l crede al famà
(Chi è sazio non crede all'affamato)

Sul tompestà no val benedizion
(sul grandinato non c'è benedizione che tenga)

A magnar candele se caga stopini
(a mangiare candele si cagano stoppini)

En te i pontaròi/se conosce i boni bòi
(I buoni buoi si riconoscono in salita)

L'arbor che no fa frut s'el taia
(l'albero che non fruttifica si taglia)

En campagna bisogn narghe/en botega starghe
(In campagna bisogna andarci/in bottega starci)