mercoledì 21 maggio 2008

Trekking senz'auto

Il trekking si fa a piedi per definizione. O no? No. Da casa si parte in auto, e se non è un giro ad anello ci sta che si parta addirittura con due auto.
Il numero di questo bimestre della RdM, la storica pubbblicazione di CDA-Vivalda, è dedicato alla montagna senza auto. Sette proposte di località raggiungibili solo a piedi o con mezzi pubblici, o per lo meno dove è possibile muoversi e camminare senza dover usare per forza l'auto. Le proposte di RdM spaziano dall'Oberland alle colline senesi a Chamois. Due di queste località le conosco molto bene: Bolzano e la Val Venosta.


IMG_6301_2
Sas de Putja e Odle dall'altopiano del Renon
Aggiungo la mia: lo Spatuzzatrekk(*), anno 2006, con quella svitata di mia sorella adottiva Valeria. Una versione riveduta e corretta del "ferro di cavallo" di Sarentino, che fatto come viene proposto dall'APT non ha senso e non è nemmeno questo granché, soprattutto la prima tappa. Siamo partite da casa a Bolzano a piedi (Valeria da Milano in treno) e tornate a casa in bus.
Giro molto gratificante, sempre in vista delle Dolomiti, non troppo faticoso, divertente. Tappe "umane" con dislivelli accettabili e durata fra le 5 e le 7 ore.(**)
In estrema sintesi, ecco le nostre tappe. Lo so dovrei scrivere la relazione da un anno e 3/4...
1 tappa: casa bolzano -stazione a valle della funivia del Renon (piedi) - Collalbo-Klobenstein (funvia/trenino) - rifugio Corno del Renon/Rittner Horn Haus (m.2261, CAI Bolzano, tel. 0471/356207). A piedi, m.1.200 dislivello circa.
2. tappa: rifugio Corno del Renon/Rittner Horn Haus-Rifugio Croce di Latzfons/Latzfonser Kreuz Hütte (m.2311, privato, tel. 0472/545017) - Dislivello in salita: m.510 circa; Dislivello in discesa: m. 451 circa. A piedi
3. tappa: Rifugio Croce di Latzfons/Latzfonser Kreuz Hütte-Rifugio Forcella Vallaga/Flaggerscharte (m.2481, CAI di Fortezza, Telefono:0471/625251), per il Tellerjoch. Dislivello in salita: m. 550 circa. Dislivello in discesa: 350 circa.
(In teoria. Che nel 2006 il rifugio era chiuso! per forfait del gestore, e noi ci siamo zuppate la discesa supplementare di 1.100 metri fino a Durnholz/Valdurna per dormire al coperto, e il giorno appresso la salita di altri 1.100 metri. L'anno seguente il rifugio era apertissimo)
4. tappa: Rifugio Forcella Vallaga/Flaggerscharte-Passo Pennes/Penserjoch, pensione Alpenrose. (m.2215. tel. 0472647170.) Dislivello in salita 375 m. (sorvoliamo sui 1.000 e rotti da Durnholz al Vallaga...) m. 625 in discesa.

Hoher Zahn/dente Alto - Pflerscher Tribulaun/Tribulaun di Fleres - Gschnitzer Tribulaun/Tribulaun (di dentro) - Schwarzwand/Croda nera da sopra Passo Pennes


5 tappa: Passo Pennes-Riobianco/Weißenbach per il Giogo delle frane/Gröllerjoch, ai piedi del Corno Bianco di Sarentino/Sarner Wießhorn. Dislivello: 350 m. insalita, 1225 in discesa.
e quindi, da Riobianco, in bus di nuovo a casa. Ecologiche e contente :)
(*) spatuzze=scarmigliate
(**) son due giorni che cerco gli appunti precisi presi a caldo, che ho da poco riposto "qui così sono sicura di trovarli". Umpf! Quando li trovo finisco la relazione e la posto sul sito.