mercoledì 12 dicembre 2007

Santa Luzia

Lorenzo Lotto - Santa Lucia davanti al giudice Pascasio (fonte Wikimedia Commons, licenza copyleft)

"Santa Luzia l’e’ vicina
su da bravi né a dormir
meté for la scarpetina
e non feve pu sentir.

La gà en gaida tanta roba
da magnar e da ciuciar
e de l’asen su la goba
la va ‘n giro de val en val."(*)

Placida Signora mi ricorda che questa è una notte magica, arriva Santa Luzia. Questa sera i bambini mettono sul davanzale una scodella piena di farina di mais per l'asinello e la scarpa più grande di casa: domattina la troveranno piena di dolciumi, mandarini, noccioline, un quaderno, qualche pastello a cera, un album da colorare. A casa mia era molto gettonata la "pocena", pantofolona di panno sformata, del nonno.

Nelle famiglie contadine questa era l'unica occasione per ricevere doni, non c'erano munifici Babbi Natale o Bambini Gesu', solo Santa Luzia in Trentino e Santa Klaus (San Nicolò) in Alto Adige.

Quest'ultimo è un vecchio bizzoso che tuttora la sera del 5 dicembre gira per Bolzano vestito da vescovo, con la mitria in testa e il pastorale in mano, seguito da un nugolo di orribili Krampus armati di catene e fruste che minacciano i bambini cattivi. Nel loro sacchetto dei doni troveranno solo carbone.

(*) versione lunga, in uso nell'Alto Garda Trentino:

Santa Luzia l’è vizina;
Su da bravi, ne’ a dormir;
Metè fora la farina
E no feve pu sentir.
N’anzolim el la compagna
E la mena n’asenel,
La vegn dentro da campagna,
La va fora da Castel;
La ga ’n gaida tanta roba
Da magnar e da ciuciar,
E po l’asem su la gob
El ga sora ’n gran Bazar.
Guai però se i popi i cria,
Guai a quei che no obediss;
L’asenel el passa via
E po’ ’l agola ’m paradiss!
Guai a quei che fa dispeti,
Che no i vegn quando i se ciama,
Che i maltrata i poereti,
Che no i scolta la so mama;
Guai a quei che diss bosie,
Che ne dis le so oraziom,
Che strazzai, come le strie,
I va sempre a zibaldom!
Per quei popi, dove’ creder,
Santa Luzia e l’asenel
I fa finta de no veder
E i sparis piam piam bel bel.
Dunque né, penseghe drio,
E po’, prima de dormir,
Prometéghe al Sioredio
D’esser bravi e d’obedir.