venerdì 2 novembre 2007

Si fa divieto... si fa obbligo...

visti gli enormi costi sociali che tali pericolose attività
comportano, su tutto il territorio nazionale

si fa divieto di:
praticare lo sport dell'arrampicata, del nuoto, del pattinaggio,dell'escursionismo, torrentismo, bicicletta, boxe, sci escluso nelle aree ad esso preposte, slittino, automobilismo etc;

gioco del calcio
nei cortili dietro casa, gioco dei 4 cantoni, nasconderello, schiaffo del soldato, flipper, arrampicata sugli alberi;

scendere le scale di
corsa ed ogni altra attività che comporti il rischio di sudare, distorcersi una caviglia, inciamparsi, cadere;

attraversare la strada nelle ore di punta, usare il telefono cellulare camminando, uscire di casa quando piove, fa freddo o tira vento, respirare in caso di superamento soglia polveri sottili;

correre o camminare veloci se privi di certificato di forte e robusta costituzione, fumare, mangiare cibi ricchi di grassi, superare la soglia di mezzo bicchiere di vino a pasto, superare del 10% il proprio peso forma, avere rapporti sessuali privi dell'uso del preservativo;

e' fatto altresì obbligo, in ogni attività che non sia compresa nel dormire e il leggere un libro seduti davanti al caminetto col gatto (opportunamente vaccinato) sulle ginocchia, di:

indossare casco, guanti di acciaio, scarpe anti infortunio, maschera anti gas, parastinchi, paragomiti, paraorecchie, paraculo;

nel caso si esca dal proprio quartiere di residenza, essere muniti di navigatore satellitare, bussola, cartina, arva, telefono cellulare con i numeri del pronto intervento in evidenza;

allacciare le cinture di sicurezza anche in motorino, monopattino (di cui si sconsiglia l'uso) e schettini in linea;

si tollera la pratica della cyclette, con attrezzatura omologata dalla CEE, esclusivamente nel proprio domicilio, con l'obbligo dell'uso del casco e cinture di sicurezza, cardiofrequenzimetro e materasso anticaduta opportunamente posizionato.